Ristorante museo Guggenheim – Bilbao (Spagna)

cena di sabato 29 Agosto,

IMG_4564

Premessa: le prime immagini e il pistolotto che seguirà riguardo al museo sono volte di nuovo a farvi ritenere che noi si viaggi con autentica curiosità e sensibilità artistica e non esclusivamente per riempirci la pancia, non fatevi ingannare!!

La sfacciata meraviglia di questa costruzione non potrà lasciarvi indifferenti, un enorme edificio in titanio che rimarrà certamente un simbolo del secolo scorso. Completato nel 1997, è opera dell’architetto americano Frank O. Gehry e sorge sulla riva del Rio Nerviòn, vicino al nuovo centro (Ensanche) di Blibao. Per chi volesse approfondire le sue conoscenze dell’edificio e del museo vi rimando al virtual tour del sito ufficiale.


IMG_4755IMG_4551


Il museo ospita una collezione permanente, tra cui alcune opere all’esterno, ed una temporanea, in particolare nel periodo Marzo-Settembre 2009, una mostra dell’artista cinese Cai Guo-Qiang (dal titolo I want to believe). Tra le svariate espressioni dell’artista spicca il meraviglioso Head on del 2006, 99 lupi intenti in una folle corsa contro un muro di vetro (allegoria del muro di Berlino?), che potete trovare a questa pagina.


IMG_4526IMG_4536


Il percorso migliore per raggiungere il Guggenheim è certamente costeggiare il fiume, magari con una bella passeggiata dal Casco Viejo e all’ingresso troverete ad accogliervi un cagnolino di dodici metri (!!), un west highland terrier ricoperto da 40.000 fiori, che non potrà che farvi magicamente tornare il sorriso.


IMG_4537


Sul fiume troverete l’assai meno allegra scultura dell’artista francese Louise Bourgeois, Maman. Un ragno bronzeo di una decina di metri, rappresentazione perversa della maternità.


IMG_4555


Sul Guggenheim e sull’arte moderna ci sarebbe molto da discutere, ma sapendo che questo è un punto di raccolta di preziosi palati e non di maître à penser, passerò lesto a narrarvi del ristorante contenuto in tale meraviglia architettonica, dove troverete lo chef Josean Martínez Alija, un indubbio talento.


IMG_4578IMG_4567


Sedersi a cena dentro ad un museo riporta inevitabilmente al rapporto tra alta cucina ed arte, i grandi chef sono artisti? O solo dei bravi artigiani al servizio della clientela? La componente estetica di un piatto è più importante del suo gusto? Mi piacerebbe raccogliere qualche vostra risposta nei commenti sul tema, ma a mio avviso la soluzione a queste quisquilie la fornisce la cucina di Josean, concentrata meravigliosamente sul gusto e poco sull’estetica (troppo poco?).

Eccovi il menù degustazione da noi assaggiato, tra l’altro l’unico in carta, al vantaggiosissimo prezzo di 70€ più iva:


IMG_4571IMG_4572


Meravigliosamente accolti dal maitre basco Urko Mugartegui, ci accomodiamo in una delle due sale dedicate al ristorante gastronomico dentro allo spazio del Guggenheim che comprende anche un bar ed un bistrot (per fortuna chiusi alla sera).

La carta è esile, 5 antipasti, 3 piatti principali di carne e altrettanti di pesce. Per le bevande ci affidiamo alla pluripremiata sommellier María Jose Vázquez Garcia, che si distinguerà per una serie di abbinamenti azzeccati e anch’essi molto convenienti.


IMG_4585IMG_4589


Un primo assaggio offerto, una crema di basilico e piselli con patate a cubetti.


IMG_4596IMG_4600IMG_4601


As a salad… cucumber-melon with mint, kefir and grapefruit perfume. L’inizio del menù degustazione è esemplare, freschezza e acidità, accompagnato da una birra artigianale iberica, Guineu.


IMG_4612IMG_4609


A dispetto della fotografia questa realizzazione è un’autentica meraviglia, melanzana “arrosto” alla liquirizia servita con un emulsione di yogurt e olive. Splendida la consistenza della melanzana, il cui assaggio riporta una netta prevalenza della liquirizia. Si riscontra chiaramente un distacco con il resto dell’avanguardia spagnola, che mai avrebbe proposto un piatto così “brutto”.


IMG_4630IMG_4631IMG_4633


Il Vegetarian foie gras (con un succo speziato di piccoli calamari alla base) resterà nei miei ricordi a lungo per la somiglianza straordinaria con la nobile materia prima. Si tratta di avocado, fatico ancora a crederci. L’essenzialità e la genialità nello stesso piatto..


IMG_4637IMG_4640


Dopo 4 passaggi esclusivamente vegetali si passa al pesce: una ventresca di tonno con una base di aglio e capperi. Materia prima di altissimo livello per un’esecuzione gustosa che non raggiunge le vette dei due capolavori precedenti. Ritroviamo anche qui soli due o tre elementi a testimonianza di una filosofia nella creazione del piatto ricorrente.


IMG_4652IMG_4665IMG_4668


L’unica nota stonata arriva con l’incomprensibile maiale iberico ai fagioli di Tolosa con note speziate,  quasi crudo, eccessivamente sapido e slegato. Boh..


IMG_4672IMG_4678


Si torna su livelli alti con la piacevolissima e rinfrescante pesca al vino rosso con vaniglia e agrumi. Notevole la manualità con cui sono stati creati questi “fiori” di pesca sottilissimi.


IMG_4693IMG_4707


Coffee texture: gelato di birra tostata, biscotto al caffè e buccia candita d’arancia. Anche qui due sapori principali che raggiungono un equilibrio impensabile, caffè e birra..


IMG_4709IMG_4715


Un secondo dessert offerto dalla casa (la seconda foto di questo piatto è un omaggio a Leo alias Crapapelata), olive nere  polverizzate, gelato alla liquirizia e un formaggio fresco a fianco.


IMG_4724


Ad accompagnare il caffè.. fresca infusione di tè nero , kefir alla base e pipetta croccante di zucca.

La cucina di Josean risulta immediata, comprensibile, fine, ma mai banale e ci riporta la verità dell’assaggio che il giorno precedente era mancata. Un rapporto qualità/prezzo che troverete raramente!

Il conto: 2 menù 140€, 2 acqua 6,54, 2 calici di Txakoli 8€, 2 calici di Crianza, 8€, 2 calici di Finca Montico Rueda 8€, 2 calici di Porto 10€, 2 calici di birra 8€, 2 caffè 3,08. totale iva esclusa 191,63 + iva 7%= 205 €.

Le altre tappe del nostro viaggio nei paesi baschi:

– Pinxtos

– il tanto discusso Mugaritz

e l’archivio dei nostri racconti.

Patatone


IMG_4733


Guggenheim Bilbao

(Restaurante)

Avenida Abandoibarra 2

48001 Bilbao

tel. (+0034) 944 239 333

http://www.restauranteguggenheim.com

IMG_4563

5 risposte a “Ristorante museo Guggenheim – Bilbao (Spagna)

  1. Come sempre Pat complimenti perle splendide foto… hai reso perfettamente l’atmosfera di Bilbao, peccato che quando ci sono stato io l’8 agosto (Agosto!!!) era brutto e ci siamo persi l’effetto specchio delle pareti del Guggenheim… Bellissima, e consiglio a tutti quelli che passeranno da quelle parti di andarla a vedere, la mostra temporanea di Cai Guo-Qiang.

  2. Bellissima struttura, ho una gran curiosità per la cucina di josean dopo questa recensione ancor di più.
    Molto bravi

    • Un ringraziamento ad entrambi per i sempre graditi complimenti; la mostra temporanea di Cai è terminata purtroppo.

      Royscs, attendiamo le tue impressioni se passerai a Bilbao..

      Ciao

      Pat🙂

  3. bravo BIG PATATOS……per quella crema di basilico e piselli farei pazzie……il minimalismo spinto ai minimi termini.
    Ciao e grazie per lo spunto.
    LAMAX61°

  4. Ciao LAMAX 61°, mi pare che questo locale sia perfetto per te, organizzati un viaggetto nei Paesi Baschi.
    🙂

    Pat

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...