El Celler de Can Roca – Girona- Spagna

cena di martedì 3 Febbraio

img_04301

 

Ditemi, trovate qualcosa di strano nel prendere un aereo con l’unico conclamato scopo di andare a cena in un luogo lontano?

 

img_0669

 

Forse prima avrei potuto pensarla così. Confesso anche che non è stato facile spiegare ad alcune persone che andavo a Girona (e non a Barcellona) unicamente per mangiare (e, fortunatamente, anche per bere). Ho incrociato sguardi compassionevoli e mi sono misurato con interminabili ed eloquentissimi silenzi all’altro capo della cornetta. Ma ne è valsa la pena.

 

img_0664

 

Un viaggio ridicolo nel prezzo (6 euro il volo Bergamo/Girona) ma insperatamente perfetto ci ha condotti in una piccola città a dir poco incantevole. Case multicolori a picco sul fiume hanno salutato il nostro passaggio accogliendo i nostri sguardi provinciali ancora una volta impressionati, dobbiamo ammetterlo, non solo dalla varietà e bellezza delle cattedrali ma dall’onnipresente gusto per l’architettura e le installazioni contemporanee che sorgono inaspettate e armoniose aiutate dal piglio cortese di un popolo che di sensibilità moderna ne ha da vendere.

 

img_0423

 

Accostate le orecchie alla meditabonda tranquillità del quartiere ebraico abbiamo oziato attendendo la sera. Non potrò mai scordare l’espressione ansiosa del mio compare, lo sguardo fisso nel vuoto oltre il bendidio delle tapas, in mano quel che resta di un bicchiere di Cava e i cinque sensi protesi a controllare l’impercettibile trascorrere del tempo nell’estenuante tossica attesa che si compisse l’ora X e la cucina di un certo ristorante aprisse (per la cronaca alle 21.00).  

 

img_0436

 

Come un alpino in trincea trascorre i minuti precedenti all’ordine del previsto assalto smarrito in pensieri adrenalinici dei quali ignora inizio fine e forse ogni senso compiuto, così il tossico Patatone farfugliava nomi di chef, ristoranti e prestigiose stelle smarrendo inesorabilmente il filo del discorso. Io, indeciso se fare finta di nulla o avvertire le autorità per un rapido t.s.o. che indubbiamente gli avrebbe giovato, mi trastullavo compiendo il madornale errore di cedere alle sirene delle tapas, fragranti quanto inopportune tentatrici. Momenti di tensione sciolti come neve al sole allo scoccare delle nove quando come il più classico degli automi il mio degno compare si è alzato in piedi ed ha iniziato letteralmente a correre in direzione del Celler. (che da basche istruzioni impartiteci dalla fruttivendola locale pare si pronunci “sellier”)

 

img_0594

 

L’ingresso al Celler De Can Roca è stata un’esperienza quasi mitologica della quale ricordo solo pochi frammenti intervallati da improvvisa ed inspiegabile emozione che ho potuto smaltire solamente quando, scivolato sulla sedia, mi sono guardato intorno ed ho pensato di essere finito nel posto giusto.

Con indicibile soddisfazione ho soppesato uno degli ambienti più raffinati mai incontrati prima. In quella cattedrale discreta di vetro e legno, osservando la notte fuori e la perfetta penombra interna interrotta solo dove serve, e cioè sul piatto, da illuminazioni sobriamente decise, ho faticato non poco a comprendere il perfetto turbinare di camerieri ai quali, estasiato, rispondevo male e a monosillabi. Inspiegabilmente Patatone, abbandonata l’idea di lanciarsi con i compagni di battaglione nell’offensiva sul Carso, era visibilmente a suo agio tranquillo e compiaciuto nelle sue guance rubizze d’ordinanza.

 

img_0461

 

Arrivano le tapas accompagnate da un buon bicchiere di Cava offerto senza ambiguità (così tanto per risolvere l’annoso problema del costo dell’aperitivo). Abbiamo graziosi cracker al sesamo nero, carote col tartufo ottimamente presentate ma decisamente dimenticabili e divertenti olive caramellizzate.

 

img_0457

 

Tanto per fare subito ottima impressione in un locale di livello per giunta oltreconfine, agitato com’ero, acchiappo l’oliva nera per il codazzo zuccherino che, a metà della corsa per la mia bocca si spezza depositando il tutto, elegantemente, sul tappeto. Non faccio però in tempo a tentare un sobrio rimedio che già un solerte cameriere, senza nulla proferire, ha distintamente provveduto levandomi da ogni imbarazzo. Capisco tra l’ilarità sardonica del mio commensale che è ora di rasserenarmi.

 

img_0456

 

Giunge, al proposito, la carta dei vini o dovremmo dire la cariola – espositore in cui sono contenuti i tre volumi enciclopedici con i beveraggi. Li sfogliamo con interesse insieme al menu ben sapendo che tanto il nostro destino per la serata prevede il menu festival (una luculliana marcia a tappe forzate) con accompagnamento al calice (che avrà dell’incredibile).

 

img_0463

 

La parentesi sul pane è d’obbligo. Avete presente quei ristoranti in cui il pane viene servito da un unico cestone da un cameriere azzimato che ti guarda come per dire: “mica sarai venuto QUI per mangiare del pane?” e si volatilizza dopo un’unica passata in cui, per educazione, ti sei pure limitato per far vedere che tu non sei di quei contadini che vengono LI’ per mangiare il pane (che poi invece lo sei..)? Avete presente? Ecco questo NON è proprio quel caso. Per prima cosa il pane è esageratamente buono (e bello). Poi viene servito sì da un cestone ma per mano di una splendida ragazza che ripete il giro ogni volta da un tuo movimento di ciglia possa anche solo lontanamente sembrare tu abbia voglia di pane. Magnifico.

 

img_0465img_0468

 

Se poteva non bastare l’apparecchiata di tapas, ecco altri “snacks”. Dobbiamo ancora incominciare e già questi, per gusto e complessità, valgono il viaggio. Ininziamo con una “sferificazione di tartufo di mare con succo di guava e campari” nel quale, se posso permettermi, la guava e il campari sovrastano eccessivamente il sapore del tartufo di mare.

 

img_0469

 

Proseguiamo con una incredibile meraviglia: crema di carciofo, foie gras e tartufo. Cosa volere di più? Concludiamo gli appetizer con bombon di piccione con “bristol cream” (uno sherry prodotto in inghilterra). Molto complesso ma sicuramente sublime.

 

img_0478

 

E’ giunta l’ora di cominciare con il menu. L’inizio è sorprendente. Un piatto di tecnica impareggiabile: “ricci di mare con cavolfiore e arance”. Pietanza con un equilibrio a dir poco sorprendente, uno sfoggio di capacità da rimanere basiti, accompagnato in grande scioltezza dall’ottimo riesling Im Sonnenchein 05 Pfalz.

 

img_0481img_0485

 

Dopo una tale meraviglia ci vuole un piatto di transizione. Ecco allora i maccheroni di cannolicchi al pesto. Presentazione indubbiamente magistrale, un profumo di basilico sorprendente ma il tutto risulta penalizzato dalle consistenze un po’ troppo gommose (se posso permettermi eh?!). L’accompagnamento è però a dir poco azzeccato. L’Herrenberg 98 Mosel-Saar-Ruwer si sposa con l’aroma ed il gusto del basilico in un matrimonio da favola. E la nostra soddisfazione è in crescita verso livelli orgasmici.

 

img_0487img_0490

 

Ed ora un piatto straordinario al limite dell’incredibile: la celeberrima ostrica allo Chablis (c’è anche la variante al Cava). Una sinestesia smaccatamente complessa in cui, ad ogni pescata di cucchiaio si possono individuare differenti sfumature di gusto. Non sono in grado davvero di descrivere gli innumerevoli camaleontici capovolgimenti di sapori che si alternano nel piatto. Tanta travolgente complessità è fortunatamente accompagnata da un abbinamento questa volta semplice, ma non meno azzeccato. Il Gran Regnard 06 A.O.C. Chablis supporta in modo splendido una portata decisamente fuori dal comune.

 

img_0496

 

Proseguiamo senza indugi con qualcosa di più semplice. Nulla è lasciato al caso. Dopo un piatto complesso come il precedente, in grado di stimolare i sensi quasi spossandoli alla faticosa ricerca delle varie e complesse sfumature ecco qualcosa di tranquillo, rassicurante. Un po’ di riposo finalmente che può permetterci anche di scambiare due chiacchiere con il nostro commensale, rompendo quel mistico e adorante silenzio calato improvvisamente alla mantecatura dell’ostrica. Cappuccino di castagne e tartufo. Semplice e piacevolissimo anche per chi, come me, non impazzisce per le castagne. Non può mancare un bel vino in abbinamento: Agustì Torellò D.O. Cava. Una bollicina a questo punto è certamente gradita.

 

img_0570

 

Alberi al centro del locale. Un tocco di classe senza tempo.

 

img_0503

 

Parmentier di olive verdi, ovvero l’insalata russa secondo i Roca. Presentazione spettacolare con una bella sfera da rompere audacemente col cucchiaio. Di più non so dirvi perché io ODIO l’insalata russa. Ed è così che posso dire di aver rimandato indietro un piatto a Joan Roca (si scherza eh!). Il mio fugace assaggio, oltre ad aver confermato che in effetti stranamente il tutto sapeva di insalata russa, mi ha permesso di apprezzare un altro magistrale abbinamento. Il Manzanilla Pasada La Bota n. 10 D.O. San Lucar de Barrameda, qualunque cosa sia, calzava a pennello.

 

img_0505

 

Non c’è nulla da fare, la cucina non ci dà tregua. Arriva l’ennesimo capolavoro. Una cupola di vetro con una nuvola di fumo all’interno (manca la foto ed è un vero peccato ma ci hanno colti di sorpresa). Una mano provvidenziale toglie la cupola ed una voce annuncia “soufflè di tartufo” mostrando, appena dissipata la nebbia, lo spettacolo che vedete. Siamo in sollucchero. Il profumo di carbone, fumo e tartufo avvolge e sconvolge i nostri sensi già provati da troppe sfide e disabituati a tante sollecitazioni in un’unica esperienza. Il merito di questa creazione assurdamente buona è di abbinare il gusto ed il profumo di tartufo a sapori e odori assolutamente nuovi ed originali. Ancora una volta accostamenti fantasiosi idee libere degne di un paese libero ed aperto al futuro. Quasi dimenticavo l’abbinamento: Mas Julien blanc 02 Vin du Pays de l’Hèrault. Meraviglioso come riesca a rimanere sullo sfondo dei sapori, accompagnandoli senza mai sovrastarli ma nemmeno perderli di vista.

 

img_05141img_0514-11

 

Non poteva mancare un assaggio di baccalà. Per carità potevamo offenderci. E allora baccalà con zuppa di pane, pepe rosso e fagioli bianchi. Sapete una cosa? E’ straordinario come Joan Roca riesca a stupire con piatti arditi e tecnicamente complicatissimi ed a servire, un secondo dopo, una pietanza semplice come questa, preparata in modo impeccabile, gustosissima e non meno appagante delle precedenti. Ci sono chef che si spingono costantemente al limite dell’impossibile, altri trovano le loro sfide nella maniacale semplificazione. I Roca semplicemente fanno perfettamente l’uno e l’altro. Cosa ci beviamo col baccalà? Ma sì un bel La Cima 03 D.O. Ribera Sacra è quello che ci vuole.

 

img_0592

 

Ma non possiamo perder tempo in considerazioni, perchè sta arrivando un’altro colpo da KO.

 

img_0525img_0529

 

Ventresca di capretto con velatura di latte di capra e latte di pinoli è l’ennesimo capolavoro. Non solo consistenze perfette, non solo magistrale equilibrio, ma gusto estatico. Ammettiamolo, la fame sta rapidamente scemando (siano maledette le tapas) ma questa portata termina in un secondo e non ci resta che sorseggiare malinconicamente il calice di Aalto 05 D.O. Ribera del Duero.

 

img_0535img_0539

 

E non finisce qui. C’è ancora la “Lepre Royal” con crema di barbabietole ed aria di terra da assaggiare. In una parola: potente. Sapori nettissimi, rinforzati dalla sapiente, anche se non originalissima, aggiunta del foie gras che trova immancabile equilibrio nella crema di barbabietole. Sull’aria di terra rimango perplesso. Forse ero eccessivamente satollo per giudicare. Ovviamente il calice di Lèoville Barton 98 A.O.C. Saint-Julien fa il suo lavoro in maniera egregia.

 

img_0557

 

Un’immagine assai eloquente che tratteggia senza equivoci l’importanza che nel nostro percorso è stata riservata al vino.

 

img_05431img_0546

 

Quando vedo arrivare il torrone di foie gras mi sento come il grande Fantozzi che assiste all’apparizione di San Pietro sulla traversa nel mezzo della attesissima e catastrofica sfida calcistica scapoli-ammogliati. Comprendo anch’io con un poco di sollievo che la fine si sta avvicinando. Non fraintendetemi ma ripensando a quanto ingurgitato finora comprenderete che i miei sensi erano oramai prossimi al collasso.

Ho assaggiato il mio torroncino con il “cremonesco” rigore di chi è unicamente interessato ad apprezzare l’assaggio senza avere alcun interesse a riempire lo stomaco. Il risultato è stato comunque di grande potenza. L’ennesimo shock contornato di fegato grasso (che probabilmente verrà fornito al ristorante in apposite betoniere vista la disinvoltura nell’utilizzo). Mi sento di tranquillizzare chiunque possa ritenere che il massiccio utilizzo del nobile ingrediente sia tale da risultare eccessivo. Patatone che non ne va matto ha trangugiato il suo torrone con una voracità da far invidia a un affamato. Poteva il famoso torrone giungere solo? Giammai! Ecco infatti un bel calice di Ino Masia Serra D.O.Empordà.

 

img_0550img_0554img_0553

 

Confesso che ero un po’ perplesso riguardo alla mirabolante idea avanzata da Jordi Roca di traspondere i profumi famosi in dessert. Temevo tutto si riducesse in uno sfoggio di tecnica fine a se stesso per giunta condito, in sottofondo, da un onnipresente terrore di insuccesso. Invece annusando e assaggiando e riannusando (e così via…) la fragranza adattata: CH by Carolina Herrera (hai detto Carneade?) ho pensato che tutto sommato sì questo è uno sfoggio del tutto narcisistico di tecnica. Però mirabolante impareggiabile e, vi dirò, entusiasmante. La trasposizione lascia aperti molti spunti di riflessione che cercherò di colmare in prossime visite ove tenterò di giungere al dolce leggermente più in forma. Poteva mancare un vino con questo ennesimo capolavoro? Rislaner Auslese 2005 de Bassermann-Jordan Pfalz (più lungo è il nome più buono è il vino). Accompagna il dessert e anche il profumo.

 

img_0568

 

E questo è veramente l’ultimo. Vaniglia, un nome breve ed eloquente per un dessert divertentissimo e decisamente dolce. Lo strato superiore è di zucchero filato (barbapapà in catalano. Ho detto al cameriere che da noi era il nome di un celebre vecchio cartone animato e penso abbia sorriso per circostanza) in mezzo the verde e poi gelato alla vaniglia. Sicuramente c’è dell’altro ma non ero più in grado di cogliere alcunchè. Ultimo calice: Oremus Tokaji Late Harvest 05.

 

img_0580img_0581

 

Caffè e piccola pasticceria. Quest’ultima ben presentata e superba. Su tutti meritano particolare encomio i cioccolatini al Pedro Hidalgo Ximenez e quelli al Lagavulin.  Poscia (come dice un vero gourmet) non ci facciamo mancare un bel calice di Rhum Saint James agricolo e decisamente invecchiato (quando leggerete il costo nel dettaglio non ci crederete).

 

img_0591

 

Concedetemi ora una piccola riflessione. La cucina dei Roca è impressionante per tecnica, equilibrio e fantasia. Credo però che su tutto debba essere menzionata quella che ritengo sia la grande peculiarità di questo ristorante. La forza vincente dei Roca, oltre alle indubbie e già ricordate capacità dei singoli, è il fatto di essere tre fratelli che lavorano veramente assieme in un team. Non fraintendetemi, non c’è nulla di morale o latamente aziendalistico nel mio discorso. Prendete ad esempio un grande chef. Passa ore in cucina ed inventa un piatto meraviglioso. A questo punto arriva il sommelier e, magari aiutato dal nostro grande cuoco, abbina un vino adeguato. E proprio qui sta il punto. L’idea che mi sono fatto io (che ovviamente rimane una mia supposizione) è che MENTRE Jordi o Joan inventano un nuovo piatto Josef pensa al vino. In questo modo potrà anche accadere che la pietanza venga modificata perchè si adatti meglio al vino che l’accompagna. Dai Roca l’abbinamento si inserisce nel momento genetico del piatto, non è una fase successiva. Per questo qui si possono sperimentare abbinamenti al calice lungamente ponderati e tecnicamente perfetti. Ho reso l’idea?

 

img_0632

 

A fine cena due chiacchiere veloci con i fratelli Roca, gentilissimi e cordiali. Alla nostra richiesta di visitare la cantina investono del compito un premuroso cameriere italiano che con grande competenza ci fa da Cicerone.

 

img_0620

 

Il luogo è smisurato, quasi enorme. Vi si custodiscono più di 50.000 bottiglie tra cui spiccano veri e propri tesori. Tra gli scaffali è ben delineato un percorso che ad ogni stazione prevede la descrizione di un luogo di provenienza del vino addirittura accompagnata da immagini che scorrono lievi su appositi schermi.

 

img_06411

 

Ad ogni regione è poi abbinata una sensazione tattile. Così, ad esempio, avremo sferette di metallo in cui affondare le mani per ricordare il perlage degli champagne, seta per ricordarci i riesling della zona del reno e sacchi con i vari terreni per famigliarizzare con i terroir francesi. Un percorso sinestetico audio-tattil-visivo che cerca, come un buon vino, di coinvolgere tutti i nostri sensi.

 

img_0647

 

Il paziente Davide, nostra guida, ci fa transitare anche nelle cucine nelle quali ci illustra l’importanza del ciclo del pulito e di quello dello sporco. A proposito, ma quanto è ordinata questa cucina? Siamo sicuri che sia stata veramente utilizzata?

 

img_0649

 

E per finire una vera chicca: l’angolo della cucina con lo studio privato dello chef. Il sancta sanctorum in cui vengono ideate tutte le meraviglie.

Di questa esperienza rimane infine, oltre all’enorme soddisfazione, la sicura certezza di aver cenato in un luogo che si colloca, a buon diritto, ai vertici della cucina europea. 

Il conto: 2 Menù festival 230€, 2 accompagnamenti al calice 90€  , 2 acqua 8€, 2 caffè 5€, 2 Saint James 16€,
totale 349 + IVA al 7% = 373,43€.

Per leggere altri racconti delle nostre proverbiali mangiate…

Tutte le 200 foto della serata su Flickr!

 

img_04321

 

El Celler de Can Roca
Can Sunyer 48, 17007 Girona
+34 972 222 157
www.cellercanroca.com
 
 Visualizza l’ubicazione del ristorante sulla mappa

Aureliano

 

img_0660

42 risposte a “El Celler de Can Roca – Girona- Spagna

  1. Che vi devo dì… invidia a mille !!

    Se potevo vi avrei fatto compagnia, come vi dissi. Appena trovo un toscano che viene con me mi ci fiondo.

  2. Mi avrebbe fatto piacere Leo, val davvero la pena prendersi una giornata di ferie e volare a Girona. La spesa del viaggio è stata davvero contenuta, la Ryan ha in genere ottimi prezzi durante la settimana. Secondo me Aureliano ci tornerebbe volentieri tra un paio di mesi…🙂

    Pat

  3. Questa recensione fa venir la voglia di dirigersi verso Orio al Serio, prendere il primo volo per Girona ed entrare a el celler…
    Ottima recensione e ottime foto, bravi!
    Non posso nascondere di rimanere sempre basita davanti al numero delle portate, ma del resto, pensando al blog… nomina sunt consequentia rerum😉

    Stefy

  4. Complimenti davvero, anche ad un profano come il sottoscritto è venuta voglia di prendere l’aereo per Girona.

    Impressionante il tutto, anche il prezzo complessivo che in generale non sarà economico, ma non so a questi livelli se vi siano altri locali paragonabili.

    Pazzesco davvero, quanta invidia…;-)

  5. Per cio’ che riguarda la recensione ,come al solito, non posso che farvi i complimenti. Ma rimango basito o di sasso per due cose: il prezzo del menu’ degustazione vini ed il conto totale. Ridicoli per un ristorante del genere. Se penso che qui nel nostro paesotto, proporzionalmente si spende molto di piu’ in qualsiasi tugurio o bettola tu vada. mi vengono i brividi….Ciao Massimo

  6. Signorina Stefania grazie del suo commento, in effetti il nome la grande abbuffata non è casuale.. Nomen omen, per riprendere il suo latino..

    Per Cristiano e Massimo, il rapporto qualità/prezzo è decisamente favorevole… mai visto niente del genere… 12 calici di qualità a 45 euro!

    un saluto

    • Mi aggancio a questa vecchia discussione per cercare rsposte ad un paio di domande; se possibile.
      Non so se sceglieremo il menu festival; nela caso al scelta cadesse sul degustaciò, c’è anche in quel caso un abbinamento vini possibile?
      E poi.
      Come vi siete regolati con la mancia?
      Io, in genere, pago con carta di credito, e lascio delle banconote a chi ha servito.

      • Ciao Figlio di Garr,

        penso che per l’abbinamento al calice non ci sia nessun problema. Ho notato una certa attenzione a soddisfare pienamente le richieste dei clienti.
        Sulla mancia non ho proprio ricordi. A pensarci forse non la abbiamo lasciata. Io personalmente questa cosa delle mance la odio. So che all’estero soprattutto è quasi un obbligo ma tendo proprio a dimenticarmi…

        Au

  7. Complimenti per le vostre recensioni, via via sempre più complete e approfondite, una mia curiosità……. ma come fate a mangiare tutto? io mi sarei fermato a metà, alzando bandiera bianca……

  8. Ciao Paolo, grazie dei complimenti, come facciamo a mangiare tutto? Servono lunghi e faticosi allenamenti con i piedi sotto la tavola🙂 …

    Pat

  9. Io non sono magro e quindi non faccio testo, ma mia moglie che e’ alta 1.65 e pesa 56 kg, quando ci rechiamo in ristoranti di questo tipo, mangia tutto , non lascia li’ neanche le croste del grana….anzi le devono levare il piatto perche’ altrimenti effettua una scarpetta indecente…e’ una questione psicologica e gustativa…scusa pat se mi sono intromesso..Ciao Massimo

  10. Quanti mesi di preavviso servono per prenotare un tavolo? grazie.

  11. Ti è venuta voglia di andarci Cris? Durante la settimana non è stato problematico prenotare un tavolo ed il locale durante la nostra visita (martedì sera) era pieno solamente per metà. Purtroppo non conosco la situazione nel weekend e soprattutto nel periodo estivo. Ti consiglio di inviare una mail all’indirizzo: restaurant@cellercanroca.com, vedrai che risponderanno velocemente ed in italiano. Mi è venuto in mente un particolare forse non sottolineato da Aureliano, il servizio è stato completamente in lingua italiana, compresa la visita della cantina. Se ti servissero altre informazioni di tipo organizzativo scrivici pure alla mail del blog: lagrandeabbuffatablog@gmail.com

    Un saluto

    Pat

  12. Piatti e recensione come sempre eccellenti, ma anche il posto merita davvero un commento a parte.
    Bellissima la sala e anche la “finta” cucina per i curiosi…🙂

    Curiosità mia: Qualche ristorante vi ha mai fatto storie per le foto?

  13. Non ci è mai capitato, anche perchè seguiamo la regola d’oro di domandare prima il permesso, spesso nella mail di prenotazione. Così si evitano problemi.

    L’ambiente è raffinato e gradevole, davvero uno dei più belli che abbia mai visto.

    Au

  14. Pensavo anche io che si dovesse chiedre il permesso in anticipo, quello che mi domandavo è se qualcuno vi avesse mai negato questo permesso…

    A presto.

  15. Fino ad ora non è mai successo. Devo dirti che un rifiuto mi dispiacerebbe. So anche che prima o poi capiterà…

    Au

  16. Pat, mi è venuta proprio voglia di andare. Devo solo trovare il tempo, un “pazzo” che mi segua ed evitare che mia moglie mi faccia internare🙂

  17. @ Master: non è successo, ed io credo che, chiedendolo in modo educato ed evitando comportamenti maleducati come fotografare altri tavoli occupati o utilizzare il flash, molti ristoratori non avranno problemi. Se le lascia fare Ferran Adrià perchè gli altri dovrebbero vietarlo?

    @Cristiano: da Bergamo si può fare anche in giornata.. vedo dal sito Ryan che durante la settimana partendo per esempio in Marzo spendi 30€ a tratta per il volo. Un pazzo che ti segua sul forum del gambero lo trovi sicuro..

    Pat

  18. Cristiano, di dove sei ? mandami un pvt sul forum del GamberoRosso: io sono Crapapelata

  19. La cifra per l’abbinamento dei vini è proprio incredibible! E 6 euro per il volo?! Siete cacciatori di offerti!😉

    Complimenti!

  20. Ciao Aaron, i voli Ryan Air prenotati con largo anticipo e lontano dal weekend possono essere molto convenienti.. stiamo già progettando un altro “Fly&Eat”..sono molto divertenti tra l’altro..
    Grazie di averci letto.

  21. Grandissimi ragazzi! Che invidia.. Quando decidete di fare un salto in Veneto per una 2gg di “Drive&eat” fatemi sapere, ci organizziamo per Calandre,Dal Vero, Ca Daffan, La Peca ecc..

  22. ma guarda un po io ci sono andato il venerdi
    5 febbraio..

  23. Ciao Giorgio, benvenuto sulla grande abbuffata, ci sei stato venerdì 6 Febbraio? Hai preso il nostro stesso menù? Hai qualcosa da aggiungere?

    Pat

  24. se volete le foto le ho fatte pure io…ma alla fine
    de pasto ho avuto parecchi dubbi

  25. p,s bel blog

  26. Esternaci i tuoi dubbi, così ne discutiamo.. io non ho problemi a dirti che sono rimasto entusiasta almeno quanto chi ha scritto questo post..(Aureliano), grazie dei complimenti Giorgio

    Pat

  27. l’unico piatto che abbia mangiato uguale (anche il nostro menu era lunghisismo ma tutti i piatti erano diversi) è la ventresca di capretto, stre-pi-to-sa🙂

  28. Ciao Sigrid. La ventresca è veramente una goduria. Chissà che foto incredibili avrai fatto. Le hai pubblicate da qualche parte? Sarei curioso…

    Au

  29. Credevo di essere l’unica ad aver fatto una follia simile…con grande invidia di tutti quelli a cui l’ho detto! Io ci sono andata in giornata, un sabato a pranzo con rientro a BG alle 21…spettacolare. Posto magico, pranzo pressochè identico a quello descritto con però l’aggiunta di un ulteriore dolce…lì i dolci davvero sono una poesia..eh sì che sono 1.63 per 50 kg ma in ristoranti così si rende volentieri onore agli chef! Inoltre è ridicolo ma a conti fatti, aereo compreso, mi costa di più andare in un qlc bistellato in Italia…

  30. Ciao Silvia, benvenuta nel nostro blog!
    Noi l’abbiamo fatta in due gg, ma resta una pazzia e come tale ci apprestiamo a ripeterla per un altro ristorante spagnolo. Sul fatto che ci siano bistellati in Italia più cari del Celler devo darti ragione, ma le cause sarebbero da indagare meglio: maggior costo del personale? pressione fiscale molto più alta? Chissà..

    Pat

  31. Ops, mi sono spiegata male…so benissimo che in italia i costi dei ristoranti, soprattutto di alto livello, sono assurdi (basta guardare l’Iva…per non parlare del personale, avete presente quanti sono da Roca??). Il mio commento era solo per esprimere un rammarico, credo che anche questo penalizzi molto il nostro paese e la nostra meravigliosa cucina…io continuo a pensare che una cena in alcuni ristoranti sia quasi un evento artistico e culturale, quindi ne vale la pena e nei dintorni di Brescia, dove abito, esperienze simili sono possibili. A quando e per dove la prossima in Spagna?

  32. Senza fare un trattato di economia industriale, mi limito a suggerire che la differenza di IVA è solo del 3% e che incide solo sul consumatore finale; sul costo lordo del personale sono assolutamente d’accordo e aggiungerei una maggior imposizione fiscale anche sui redditi delle persone giuridiche.

    Inoltre immagino che al Celler, vista la notorietà internazionale, tra il personale ci siano anche parecchi ragazzi in stage.

    Per spezzare una lancia a favore dei nostri bistellati devo dire che alcuni in linea con i prezzi dei Roca ci sono. Quali ristoranti frequenti in provincia di Brescia? In Gennaio siamo stati a tavola dal grande Philippe a Concesio..

    La prossima tappa in Spagna è a Denia, i primi di Maggio..

    Pat

  33. nessun trattato…mi sto per laureare in economia, mi basta quello! In realtà è stato il costo del viaggio a dessere più economico di qualunque spostamento in Italia. E’ che moltissime persone ritengono certi ristoranti troppo cari senza capire affatto i costi, la fatica e la passione che ci sta dietro..io contiuno a ritenere impagabile e irrinunciabile una cena di simili livelli. Ho letto della vostra tappa da Philippe, un consiglio spassionato è per il “Due Colombe” di Rovato, neostellato, ci vado spesso, sempre su livelli altissimi, una cucina che ti sorprende e ti appassiona…menù degustazione abbinato ai migliori Franciacorta e visti i bicchieri consumati da Roca, gli fareste onore! Fammi sapere se capitate in zona; non organizzate mai cene con i partecipanti al blog?
    Chiedo io un consiglio a te: La Francescana?
    Silvia

  34. Grazie del consiglio, a Brescia vorrei visitare anche l’officina Cucina, un assiduo lettore di questo blog la raccomanda caldamente! Non mancheremo di farti sapere di un eventuale passaggio nel bresciano..

    Riguardo alle cene con partecipanti al blog diciamo che la cosa ha carattere molto informale.. tramite Facebook scrivo a chi ha manifestato interesse per venire con noi in un determinato locale o semplicemente per conoscersi e ci accordiamo..

    Per il resto ti scrivo in pvt..

    Pat

  35. Considerazioni sparse:

    – a “El Poblet” mi sa che impallidiremo ancora una volta di fronte al rapporto qualità/prezzo😉

    – il “Due Colombe” suggerito da Silvia piace molto pure a me;

    – se andate all’Officina Cucina fateci sapere!!! Se non erro avevo letto qualcosa sul blog di un vostro assiduo lettore e ne era entusiasta!

    un saluto a tutti

  36. Risposte ordinate a considerazioni sparse:

    – Su El Poblet.. SPERIAMO!! Il viaggio con chef stellato al seguito si preannuncia interessante..

    – Sul “Due Colombe” faccio profonda ammissione di ignoranza, mi informerò!

    – Riguardo all’Officina Cucina ricordi perfettamente, Massimo ne è rimasto entusiasta:

    http://unbicchierealgiorno.blogspot.com/2009/02/ristorante-officina-cucina-brescia.html

    Un saluto a te Cristiano

    Pat

  37. bello veramente ,sono stato lavorare un periodo dentro Joan grande .vi garantisco che merita

  38. Pingback: Ristorante Mugaritz – Errenteria – Paesi Baschi « La grande abbuffata

  39. Excellent article. Keep writing such kind of information on your site.

    Im really impressed by your blog.
    Hello there, You have performed an incredible job. I will certainly
    digg it and in my view suggest to my friends.
    I’m confident they will be benefited from this website.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...