Ristorante L’Erba del Re – Modena (MO)

pranzo del 29 Novembre 2008,

pb280009

Ognuno di noi custodisce nel cuore alcuni luoghi ove si sente serenamente “a casa”, per me l’Erba del Re è uno questi, tanto vi basti per rendervi dotti che questo racconto sarà prima di tutto una raccolta di emozioni e mi scuso con voi se queste in alcuni casi avranno il sopravvento. Al termine di un lustro di lavoro (il ristorante è stato aperto nel 2003) per Luca Marchini, chef e patron, sono arrivate nel giro di un paio di mesi due importanti riconoscimenti: le due forchette (80/100) della guida del GR e la prestigiosa stella Michelin.

pb280008

Per chi come noi, per vicinanza e piacevolezza, frequenta le due sale del locale da tempo è una gioia potervi parlare dell’Erba del Re proprio in questo momento florido di premi; le immagini più delle parole possono illustrarvi il tono del locale, un connubio tra i più riusciti che ricordiamo tra classico e moderno (strada che si ripercorre anche nei piatti), con le pareti stuccate con colori caldi a renderlo accogliente. A nostro modesto avviso si associa in modo eccessivo Marchini ad uno dei suoi maestri, quel Massimo Bottura che ha reso Modena una stella del firmamento gastronomico e una tappa fissa per ogni gourmet. Le esperienze di Luca sono state ben più numerose (J. L. Nomicos in Francia, B. Barbieri in Italia) e in via Castelmaraldo si è ormai intrapresa una strada personale e riconoscibile anche se a tratti non ancora del tutto matura (I margini per puntare ancora più in alto non mancano).

pb2800141pb280017

Sul tavolo di servizio non potevamo non notare questi quattro tartufi tra cui un bianco di Acqualagna che non mancheremo di assaggiare. La carta da ormai due anni è suddivisa in due sezioni: “Un salto nel passato…” che contiene i piatti della tradizione e “Riflessioni contemporanee…” in cui le proposte sono decisamente più innovative, un modo lungimirante per avvicinare i modenesi (legatissimi al territorio anche a tavola) ad un nuovo modo di intendere la cucina e portarli in modo graduale a sperimentare contrasti ed accompagnamenti nuovi (come al solito il link per leggere integralmente il menù).

pb280023

Il servizio in sala è curato dal sommelier Davide Giacometti, personaggio eclettico che saprà conquistarvi con il suo sorriso contagioso e una presenza in sala costante ma mai eccessiva (clicca per scaricare la carta dei vini). Qui sopra trovate un primo assaggio offerto, una mousse di ricotta con finocchietto e chips di parmigiano.

pb280021

In questa composizione artistica di Aureliano trovate il calice dell’aperitivo (Champagne Louis Roederer), la seconda entrèe, mousse di rapa rossa e alcuni grissini immersi in un bicchiere di sale.

pb280032pb280042

Il primo dei nostri antipasti (scelto dalla carta Riflessioni contemporanee) è un rotolo di carpaccio di seppia, con l’interno dello stesso pesce saltato in padella, il tutto adagiato su una base di salsa ai broccoli e cubetti di cocco. Con gli antipasti un PALAI Müller Thurgau 2007.

pb280037

Ecco le tre cotture del gambero su grassa gallina, piatto in carta da almeno 3 anni e ormai un classico del locale: dal basso in alto: marinato, grigliato e in tempura. Variazione di tecniche su uno stesso ingrediente che conduce ad una verticale di sapori assai appagante.


pb280044

Al termine degli antipasti optiamo per una bottiglia di Burdese Planeta 2003.

pb280047pb280049

Un primo classico, il risotto burro e parmigiano a valorizzare il tartufo bianco di Acqualagna visto all’inizio del racconto.

pb280011

Sempre dalla sezione classica, Cotoletta alla bolognese di vitellone di razza bianca modenese, patate arrosto. Splendido esempio di una ricetta storica preparata con ingredienti di qualità (dal parmigiano alla carne fino al prosciutto). La razione doppia di patate è da imputarsi a precisa richiesta di Aureliano (🙂 ).

pb290058

Agnello in casseruola, castagne, vegetali in tempura. Particolare la presentazione direttamente nel pentolino di rame di cui potete ammirare il particolare. Questi sono i piatti che amiamo dell’Erba, esecuzione magistrale e nessun volo pindarico.. da succhiare gli ossicini nonostante le occhiate perplesse dal tavolo accanto. L’impronta di scuola francese vince sulla cucina molecolare..

pb290052pb290055

Un’ultima immagine della sala principale con in in primo piano uno dei pezzi di antiquariato selezionati dallo stesso Luca per ornare i tavoli.

pb280027

Prima del dessert un krapfen di farina di castagne, zucchero.

img_0329

Zuppa inglese, salsa aromatizzata al nocino. Forse il più celebre dei dolci tradizionali emiliani, colorato, calorico, un trionfo. Per chi non lo conoscesse all’esterno i savoiardi intinti nell’alchermes, all’interno, crema pasticciera e cioccolata. Poi ogni nonna avrà come sempre un piccolo trucco che rende la sua “speciale”…

pb290065

… la versione di Luca è mignon…

pb290073

La piccola pasticceria che accompagna il caffè selezione Leonardo Lelli. Un sorso di grappa per aiutare la digestione (Grappa di Syrah Berta). E’ appagante scoprire che anche nel drammatico immobilismo della ristorazione tra Modena e Reggio Emilia, qualcuno riesce a distinguersi e proporre qualcosa di veramente nuovo a prezzi corretti. Per un pasto completo (vini esclusi), scegliendo la tradizione, ci si assesta poco sotto i 50 europei , mentre per le proposte più innovative si arriva vicino ai 60. Vari menù degustazione da 32 a 70€.

pb290074

Mi par doveroso sottolineare che le proposte di Marchini sono meno classiche di quanto traspaia da questo racconto, non mancano in carta i piatti complessi come “Gnocchi di zucca in purezza, crema di Parmigiano Reggiano, mostarda, amaretti” e “Cappesante, riso al latte con fichi, pomodori essiccati, salsa al foie gras, chips di polenta” . La rotazione dei piatti in carta è molto rapida, la ricerca continua porta il rinnovamento del menù (nella sua metà dedicata all’innovazione ovviamente) almeno ogni 2 mesi, noi vorremmo che alcune storiche preparazioni di Luca rimanessero sempre nelle pagine “Riflessioni contemporanee” ma lui non si ferma mai, la sperimentazione di tecniche e materie prime è incessante…

img_03424

Nell’immagine qui sopra la seconda sala del ristorante, più intima e riservata. Dal conto: 1 gambero 12€, 1 seppia 15€, 2 risotti con il tartufo bianco 55€, 1 cotoletta 18€, 1 agnello 25€, 1 zuppa inglese 8,50€ (Aureliano ormai satollo ha rinunciato al dolce), totale cibo: 133,50. 2 calici di Champagne 18€, 1 Burdese 34€, 2 calici di Müller Thurgau 9€, 1 acqua 3€. Totale 197,50€ (scontati a 180€).

img_0177

Ristorante “L’Erba del Re”

Via Castel Maraldo, 45

41100 Modena

Tel./Fax 059218188

Visualizza l’ubicazione del locale sulla mappa

www.lerbadelre.it

Vi invito a visitare il nostro archivio dei racconti…

AGGIORNAMENTO 11/03/2009: è stato pubblicato il racconto di una serata particolare all’Erba del Re, clicca qui per leggerlo.

Patatone

14 risposte a “Ristorante L’Erba del Re – Modena (MO)

  1. Che bei piatti, mi è venuto un certo languorino. La zuppa inglese poi è la mia passione!!

  2. Non fosse stato chiuso, oggi a pranzo sarei andato proprio qui!

  3. Ciao Cristiano, mi dispiace che tu non abbia potuto visitare l’Erba del Re, spero ci andrai in un’altra occasione e ci farai sapere… mi raccomando…😉

    Roberta, i tuoi complimenti li giriamo a Luca, noi ci siamo limitati a fotografare… Ora vado a dare un occhiata al tuo blog…

    Pat

  4. Visto l’immobilismo quasi totale della Ristorazione della provincia, tanti complimenti, in primis alla recensione (oramai siete a livelli di…vabbe’ non lo dico…) ma soprattutto alle persone come Luca Marchini che dimostrano come si possano raggiungere ottimi risultati con passione, impegno e competenza. Purtroppo io manco da un secolo, visto l’ugual giorno di chiusura, ma alla prima festivita’ mi riprometto di tornarci. Complimenti per i vini scelti, Burdese, ottimo cabernet sauvignon/franc. Un po’ scontato il Louis Roederer, ma e’ il pelo nell’uovo……Ottima rece.. Ciao Massimo

  5. Ciao caro, ti faccio presente che il lunedì sera il locale è aperto… L’alternativa al Louis Roederer è il Ferrari Perlè… Spero di riuscire a venire a trovarti presto con Aureliano

    Patatone

  6. Non assaggiavo il Burdese da troppo tempo. Dopotuitto adoro il cabernet franc …
    Massimo, non vedo l’ora di passare a trovarti (per bere stavolta!). Il problema è che il caro Patatone è sempre in allenamento…

  7. Bellissima recensione e ottimi piatti. Mi è piaciutta moltissimo la presentazione del coniglio nel tegamino di rame lucidato a specchio e anche i grissini immersi nel sale fanno la loro figura.

    Avete ragione, l’ambiente è molto confortevole e sembra molto accogliente.

  8. L’ambiente mi è sempre piaciuto tanto, grazie dei complimenti…

    Pat

  9. Ho quasi finito gli aggettivi, me li conservo per le prossime… non posso che togliermi il cappello e fare un inchino. Bravi, continuate così che è un piacere leggere e guardare…😉

  10. hai fatto così tante foto…ma te la sarai goduta almeno la cena?

  11. Ciao Titti, negli ultimi pranzi abbiamo scattato con due macchine tra le 150 e le 200 foto, non è assolutamente un peso, mi godo sempre i pasti e la nostra è solo una passione.. Grazie dei complimenti e dei commenti lasciati in altre recensioni..

    Patatone

  12. io ho lavorato per uno stage devo dire che è un ottimo ristorante complimenti a Marchini

  13. Ciao mio omonimo, dove lavori adesso? Sempre a Modena?

    Pat

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...